Maledetto il drago che ho incontrato

Uno degli aspetti più divertenti dei gdr high fantasy è lo scontro contro il BIG BOSS, che sia il drago o la battaglia sulle mura cittadine durante un assedio. Ho volutamente utilizzato un termine mutuato dai videogiochi perché hanno imparato molto bene determinate tecniche narrative cinematografiche, rendendo il combattimento coreografato, struttura che può essere adattata anche al gdr.

Come esempio utilizzerò uno scontro della mia campagna,mostrando una serie di tecniche che ho esposto nel mio blog l’anno scorso. La campagna è un Eberron/Final Fantasy/Pulp alla Flash Gordon ma lo stile non ha importanza perché queste tecniche sono utilizzabili con ogni tipo d’ambientazione: per esempio la battaglia di Minas Tirith nel Ritorno del Re, ne utilizza di simili.

Antefatto

Nella sessione precedente i pg si trovano sull’isola volante dove risiede l’arcimago durante la battaglia contro le forze del Re Lich: la sessione termina con l’arcimago morente e l’isola che privata della sua guida rischia di precipitare mettendo i pg in grave pericolo.

La prima tecnica utilizzata è il cliffhanger, cioè chiudere la sessione prima della scena d’azione. Molto utilizzata nei telefilm (il cattivo che punta la pistola alle spalle dell’ignaro eroe poco prima dei titoli di coda) ha due vantaggi:

  • Crea un senso d’attesa perché vogliamo sapere cosa succederà, come si salverà l’eroe.
  • Permetterà di avere un’intera settimana per prepararla a livello di coreografia senza doverla imporre ai giocatori perché sarà la prima scena della sessione successiva.

Le cose fondamentali: chi, dove, perché e come

Un buon combattimento coreografato dovrà fornire risposte interessanti a queste domande:

  • Chi? La scelta dell’antagonista è fondamentale ed è importante valutarlo non dal punto di vista dei numeri grezzi ma soprattutto dall’effetto sull’ambiente stesso. Se è il drago che combatte in città, la sua mole provocherà il crollo delle case intorno mentre il soffio provocherà degli incendi, creando interessanti complicazioni.

Continua a leggere 

vodacce

Pubblicato da vodacce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.