Il richiamo di True detective

Scrivere degli articoli sull’horror nel gdr senza parlare di Cthulhu è praticamente impossibile ed è stato un problema essendo un argomento molto ben analizzato. Vorrei perciò fare un paragone con una bellissima serie tv “True Detective” perché la considero una perfetta avventura di Cthulhu. Se non l’avete ancora vista, non continuate la lettura di quest’articolo perché sarà pieno di SPOILER per cui guardatela e poi ritornate a leggere….

 

Attenzione: spoiler in corso….

Chi ha già visto True Detective sarà rimasto perplesso per la mia affermazione perché, nonostante le numerose citazioni dal re in giallo a Carcosa, nella serie non c’è il paranormale se non forse per le visioni di Rust e soprattutto non c’è il “mostro” finale tipico delle avventure di Cthulhu che seguono lo standard: morti misteriose, culto dedito a x grande antico e rito finale che andrà fermato dai nostri eroi al prezzo di pesanti perdite per la presenza del mostro di fine avventura che si papperà mezzo gruppo. Questo cliché ha un po’ammazzato l’horror in Cthulhu come gli “scossoni”, i jump scares il cinema horror: in entrambi i casi, una tecnica che andava utilizzata con moderazione è stata così abusata da creare l’effetto opposto.

Continua a leggere 

vodacce

Pubblicato da vodacce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.